Il sovescio

Mauro sta effettuando il sovescio dei fagiolini, una pratica agricola semplice e naturale che consiste nel far crescere e poi interrare alcune particolari colture allo scopo di aumentare la fertilità del terreno. I benefici si ottengono per mezzo di queste piante che, cedendo materia organica e azoto al suolo, si comportano come dei veri concimi naturali. In questo modo il sovescio permette all’agricoltura naturale  di ottenere buoni risultati rinunciando ai fertilizzanti chimici e offrendo una buona alternativa anche nel caso in cui non siano disponibili i rimedi organici come il letame.

Equiseto:una difesa naturale

Decotto di equiseto o macerato, preparati biologici fai-da-te contro i funghi e per rinforzare le pianteL’equiseto selvatico, chiamato comunemente coda cavallina, è una pianta davvero speciale ed esistente da 300 milioni di anni. E’ un ottimo ingrediente naturale per i preparati fai-da-te da usare nell’orto, validissimo alleato per rinforzare le piante, in particolare contro le malattie fungine. Il segreto sta nell’elevato contenuto in silice che, unita ai sali solforici, rinforza la cuticola delle foglie e le rende meno soggette agli attacchi di funghi (ruggine, mal bianco, muffa grigia), afidi, cocciniglia e ragnetto rosso.

Come riconoscere l’equiseto?
Questa particolarissima pianta è in realtà molto comune e cresce vicino ai torrenti, ai fossi, o anche nei terreni umidi, in pianura collina e altura fino a 2000 metri.

Come preparare il macerato

Porre 1 kg di equiseto a bagno in un contenitore con 10 litri di acqua  e lasciare a fermentare per 10/15 giorni.  Per un’azione protettiva applicare il macerato con cadenze regolari ogni 15 giorni, ma se l’attacco fungino è in atto, applicare il prodotto per tre giorni di seguito.